Lady Gaga a Sanremo:ecco la lista delle richieste

sanremo,sanremo 2012,lady gaga,gianni morandi,adriano celentano,Sembra che i riflettori di Sanremo abbiano posato l’occhio sulla stravagante rockstar Lady Gaga. Una semplice possibilità, nulla di certo e definitivo, ed ecco che vengono fuori le condizioni, imposte da Miss Germanotta: prime fra tutte il cachet’. L’artista avrebbe chiesto  la modica cifra di 500 mila euro per calpestare il palco dell’Ariston. Non è tutto(siamo solo all’inizio). Per riposare, lei e il suo enturage,l’artista americana chiede una villa palladiana, a Vicenza.

Dopo questa richiesta, qualcuno ha fatto notare le distanze che intercorrono tra Sanremo e Vicenza(470 km). Poco importa per Lady Gaga, in quanto ha chiesto un elicottero per affrontare comodamente il viaggio.

Il  Consorzio di promozione turistica “Vicenzae’ ” si è dichiarato  prontissimo ad accogliere la cantante e a soddisfare  le esigenze della stessa, creando anche, qualora decidesse di fare tappa, un menu ad hoc il “Menu Gaga”: per primo i risotti con asparagi bianchi di Bassano e con broccolo fiolaro di Creazzo, l’inimitabile baccalà alla vicentina e il brasadelo, dolce tipico alle mandorle, oltre ad offrirle forniture a vita di cibi: forme di asiago, funghi di Costozza, i bisi di Lumignano e la cipolla rosa di Bassano.

 

Dopo aver riportato le voci che circolano sul web, non è possibile non esprimere un parere personale su quelli che sono i compensi e le stravaganze che si muovono intorno alla manifestazione canora. In precedenza abbiamo parlato di Adriano Celentano. Anche l’artista di casa nostra  ha fatto delle richieste ma non sui compensi. Certo si è parlato del suo cachet ma, alla fine, il molleggiato ha dato uno schiaffo morale a tutti stabilendo che, il ricavato , sarà devoluto alle famiglie bisognose. Se i compensi di Sanremo possano servire a tale scopo ben vengano tutti gli artisti con il nome di Adriano Celentano.

Lady Gaga a Sanremo:ecco la lista delle richiesteultima modifica: 2012-02-08T12:00:05+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo