PRIEBKE: IL BOIA DELLE ARDEATINE

PRIEBKE, IL BOIA DELLE ARDEATINEL’eccidio delle Fosse Ardeatine fu una delle stragi che segnò maggiormente il nostro Paese durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma uno dei suoi principali responsabili, Erich Priebke, visse indisturbato per anni in Argentina, fino al 1994 quando venne scovato da una tv americana. History (canale 407 di Sky) ripercorre questa vicenda nel documentario PRIEBKE: IL BOIA DELLE ARDEATINE, in onda questa sera alle 21.00.

 

Nel 1994 una troupe dell’emittente televisiva statunitense ABC si trovava a Bariloche, un paese delle Ande argentine dove viveva una nutrita comunità di tedeschi. La troupe voleva realizzare un’inchiesta sui criminali nazisti ancora in vita. I giornalisti erano sulle tracce di Reinhard Kopps, ex ufficiale delle SS che aveva aiutato molti suoi colleghi a rifugiarsi nel paese sudamericano e che si nascondeva sotto il nome di Juan Maler.

Dopo vari appostamenti andati a vuoto, la troupe, guidata dal giornalista Sam Donaldson, riuscì ad intervistarlo. Maler confessò di essere Reinhard Kopps e rivelò che un altro importante gerarca nazista viveva a Bariloche: il suo nome era Erich Priebke, anch’egli al centro delle ricerche dell’ABC.

 

Galvanizzati dalla scoperta, i giornalisti individuarono l’ex nazista, che lavorava presso una scuola. Intervistato, l’uomo ammise di essere quel Priebke che aveva partecipato alla strage delle Fosse Ardeatine.

L’intervista fece il giro del mondo. L’Italia chiese e ottenne l’estradizione di Priebke, che venne condannato all’ergastolo. Per motivi di età scontò la pena agli arresti domiciliari a Roma, dove è morto venerdì 11 ottobre.

 

Tra gli intervistati: Sam Donaldson, Dalila Herbst (interprete argentina dell’ABC) e Giulia Spizzichino (sopravvissuta alla Shoah).

PRIEBKE: IL BOIA DELLE ARDEATINEultima modifica: 2013-10-14T23:16:00+00:00da deanna2011
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento